camminare-benefici
Abilità Salute ed Energia

Perché Camminare Ti Aiuta A Liberare La Mente, Dimagrire E Dormire Meglio

Q Quanti di noi, da un certo punto in poi della propria vita, hanno sentito e visto peggiorare le proprie condizioni fisiche, mentali ed emozionali?

Ad un certo punto delle nostre vite qualcosa avrà iniziato ad ingarbugliarsi cambiandoci le carte in tavola.

Abbiamo iniziato ad attraversare periodi di bassissima energia, scarso ottimismo ed un fastidioso senso di inadeguatezza.

Come se non bastasse il nostro umore è peggiorato e di conseguenza il rapporto con il mondo e con le persone a cui vogliamo bene.

Abbiamo iniziato a mangiare di più per gratificarci, e ne abbiamo guadagnato solo un aumento del peso e del senso di colpa.

Tutto questo ci ha portato ancora più in basso. 

Ma sapete una cosa? Esiste un modo per uscire da questo anello senza fine che definirei “gentile ed efficace”.

È in sé e per sé qualcosa di estremamente semplice ma di altrettanto sottovalutato. È il camminare a lungo.

In questo articolo vi spiego quali sono gli incredibili benefici della camminata e utilizzarla per trarne il meglio.

Un solo movimento naturale: tanti benefici

Camminare è una delle cose più naturali che possiamo fare. Eppure è molto sottovalutato, tanto che lo facciamo raramente.

Ok: camminiamo correndo per arrivare al lavoro, per raggiungere la metropolitana, camminiamo in un centro commerciale. Ma non è così che abbiamo dei benefici.

Quello che può fare per noi una camminata è ben altro. E gli studi scientifici lo dimostrano ampiamente.

I benefici sono di carattere fisico, mentale e sì, anche spirituale. Aiuta il nostro fisico a recuperare la sua efficienza e migliora la nostra salute generale.

Schiarisce i nostri pensieri, aumenta la nostra creatività e potenzia il nostro intuito. Ci aiuta a ritrovare l’armonia con la vita stessa e il mondo intorno a noi.

Il Dott. Mercola ad esempio, è riuscito a determinare che una passeggiata giornaliera di 20-25 minuti aiuta a guadagnare ben 7 anni di vita.

Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta.

1. Camminare ci aiuta a bruciare calorie senza innalzare lo stress

La camminata prolungata (più di 20 minuti), normale o sportiva (cioè quella al limite della corsa), è considerata nel mondo del fitness come un’attività fisica slow cardio.

Questo significa che è una delle possibilità che si hanno se si vuole bruciare calorie con attività complementari a quelle classiche.

Camminare, anche se brucia meno calorie di attività più dinamiche, non stressa il corpo come un workout cardio (corsa, bici, etc.).

Meno stress significa meno cortisolo. E se questo non si innalza non si corre il rischio di ingrassare inutilmente.


Una pianta che ci aiuta a sopportare lo stress abbassando il cortisolo è la Rodiola. Te lo racconto qui ⇒


È molto indicato per chi ha molto peso superfluo come l’obesità, ma non vuole o non può sollecitare il proprio corpo con attività troppo intense.

Correre infatti potrebbe rovinare in maniera importante le articolazioni delle ginocchia e delle caviglie. Per questo non è sempre indicato.

Camminare è comunque suggerita come pratica complementare al cardio e all’HIIT.

2. Camminare a lungo ci aiuta a ripulire la mente: meno pensieri inutili, più focus

Può sembrare molto strano, ma per calmare la mente può essere utile un’attività di questo tipo. Il movimento al servizio della pace interiore.

Fare lunghe passeggiate aiuta a schiarire la mente, aumenta la nostra creatività e intensifica il nostro intuito.

Numerosi inventori, pionieri, creativi, sono arrivati alle loro scoperte mentre stavano camminando. Nietzsche, Hemingway, Tesla, Dickens, e molti altri imprenditori, scrittori, creativi, hanno utilizzato (ed utilizzano) le passeggiate come un’importante strategia per arrivare ad avere idee grandiose.

Durante una lunga passeggiata possiamo anche noi arrivare a conclusioni che non ci saremmo mai aspettati ma che possono fare davvero la differenza nella qualità della nostra vita.

Come ci dice il Maestro Tich Nhat Hank si può anche meditare mentre si cammina:

“La pratica della meditazione camminata apre gli occhi agli splendori dell’Universo, trasforma la rabbia e la sofferenza in comprensione e amorevolezza, porta pace e dà gioia.”

In poche parole ci dà la possibilità di conquistare chiarezza mentale e spirituale per capire cosa sta accadendo nella nostra vita. E ci aiuta a trovare soluzioni sagge ed efficaci.

Meditare camminando secondo Thick Nhat Hank

  • Bisogna gustare la camminata, camminando anche un po’ più lentamente del solito.
  • Respiriamo a tempo coi nostri passi. Inspiriamo per un tempo lungo due passi. Espiriamo per altri due passi.
  • Osserviamo ciò che è intorno a noi, senza giudicare ma riscoprendo la vastità della vita che ci circonda.

Questi e altri consigli nel suo libro “Camminare in consapevolezza. Meraviglia e gratitudine ad ogni passo

3. Migliora le condizioni cardio-circolatorie e le funzioni dell’intestino

Oltre ad abbassare la pressione regola il sistema cardio-circolatorio.

Essendo un’attività fisica a basso impatto ci aiuta a mantenere attivo il nostro metabolismo in maniera delicata.

Esistono molti studi scientifici che confermano le qualità della camminata sulla salute del cuore. È perciò particolarmente indicata per persone di una certa età e per chi (magari con un peso superfluo importante di cui vorrebbero liberarsi) non può al momento andare a correre.

Inoltre contribuisce al regolare smaltimento delle scorie e a regolarizzare i movimenti intestinali. Ovviamente in maniera del tutto naturale.

4. Libera la creatività e aiuta a fare grandi scoperte

Liberando la mente dai pensieri superflui o addirittura dall’eccessivo dialogo interiore, riusciamo a riconnetterci con la nostra parte più intuitiva e creatrice. Forse quella più genuina.

Anche se un lavoro mentale intenso è utile per raccogliere idee ed elaborarle, bisogna comunque dare respiro al “muscolo” della mente che necessita, come ogni altro muscolo, di recuperare le energie.

Camminare riporta dolcemente il pensiero ad un ritmo ideale per trovare nuove idee o soluzioni o per sintetizzare in un lampo tutto quello su cui stavamo ragionando.

Lo testimoniano le opere e le grandi scoperte di personaggi quali Friedrich Nietzsche, Nikola Tesla, Ernest Hemingway, Thomas Cook, Charles Darwin, e molti altri ancora.

Moltissimi altri fra imprenditori e innovatori contemporanei, consigliano di fare lunghe passeggiate giornaliere per mantenere il giusto equilibrio fra attività razionale stressante e intuizione creativa.


La creatività è una facoltà fondamentale per entrare in connessione con le incredibili energie e risorse dell’universo. Ne parlato qui ⇒


5. Se camminiamo molto dormiamo meglio

Come attività “dolce”, permette al corpo di stancarsi a sufficienza senza provare stress. Non innalzando il cortisolo non abbiamo problemi a dormire serenamente.

Ci permette quindi di addormentarci in maniera naturale e dormire in maniera profonda.

È risaputo infatti che il miglior sonno – un sonno di qualità – è quello in cui non ci svegliamo ma dormiamo profondamente.

Con una mente libera da preoccupazioni, con tutti i benefici sopra elencati, e con la giusta dose di stanchezza (che io definisco “una stanchezza soddisfacente”) riusciamo a dormire più intensamente e a recuperare le energie.

Se fatto giorno dopo giorno, il nostro corpo, la nostra mente e la nostra anima, riacquistano salute, energia, risorse.


Se vuoi sapere altri modi per dormire serenamente ti consiglio di leggere questo articolo ⇒


6. Migliora il nostro umore

A seguito di tutti i precedenti benefici si verificherà col tempo un miglioramento sostanziale dell’umore.

Quando camminiamo a lungo siamo più calmi, più aperti al mondo, più positivi, più magri, più riposati.

Ne consegue un miglioramento dei rapporti sociale e delle scelte fatte, il che migliora enormemente la qualità delle nostre vite.

Iniziamo da ora: usciamo a passeggiare

Puoi iniziare da subito.

Prova a programmare di camminare un po’ quando esci, magari mettendo l’auto un po’ più distante dal luogo dove devi andare. Prendendoti del tempo per passeggiare a fine pasto. Decidendo di camminare all’aria aperta invece di poltrire sul divano.

Puoi esplorare zone della tua città che non hai ancora visto o cercare nuovi particolari nelle zone che conosci già.

Cammina con un ritmo leggermente più lento, non correre: non è una gara.

Trova il piacere del fare un passo dopo l’altro, respira profondamente, magari accenna un leggero sorriso ottimista (aiuta a cambiare il proprio umore).

Puoi respirare a ritmo coi tuoi passi e liberarti di ogni pensiero.

Se vuoi camminare per 30 minuti senza preoccuparti di dove stai andando, puoi mettere un timer da 15 minuti. Quando suona l’allarme torni indietro. Utilizzando una app potrai anche calcolare il percorso che hai seguito e quante calorie hai bruciato.

Ovviamente, se stai cercando qualche idea o soluzione particolare, non dimenticarti di portare qualcosa su cui scrivere ogni pensiero che ti verrà in mente.

Io, se proprio non ho nulla, scrivo sullo smartphone utilizzando Google Keep (così da ritrovarmi su ogni device lo stesso appunto).

Buone passeggiate!

Cosa ne pensi?

Accordo Operativo Amazon

Il Flusso Magico partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Sblocca Il Contenuto Con i Pulsanti Sotto e Aspetta Qualche Secondo




Condividi con un amico