cioccolato-fondente-flusso-magico
Alimentazione

Il cioccolato fondente è una cosa seria!

map-cacao-chocolate-mayaI primi a coltivare il cacao sono stati i Maya intorno al 1000 a. C. fra lo Yucatan, il Chiapas e il Guatemala. Lo chiamavano “kakaw uhanal”, il Cibo degli Dei.

In Europa invece giunge attorno alla metà del ‘500, dove si scoprono e inventano moltissimi modi per lavorarlo e trarne il massimo in termini di gusto.

Sul cioccolato è stato detto di tutto, nel bene e nel male. Quello di cui parlerò sarà solo ed esclusivamente cioccolato fondente, quello ad alta percentuale di cacao (dal 70% in su), che non ha perciò latte. Citerò il lavoro del Dott. Will Clower, ricercatore nutrizionista e coach del benessere, autore del libro “Eat Chocolate Lose Weight” (mangia cioccolato e perdi peso).

I benefici che ci racconta nel suo testo sono ampiamente riconosciuti dal mondo scientifico e nutrizionista. Non hanno nulla a che vedere con credenze senza fondamento scientifico che ogni tanto si sentono circolare. Quello che riporto è stato studiato, provato e applicato. Ecco in sintesi le sue caratteristiche.

1. Antiossidante che migliora lo stato dell’epidermide

Migliorando la vascolarizzazione fino ai capillari più sottili, permette alla pelle non solo di essere più lucida, morbida e nutrita, ma anche di proteggersi molto meglio dai raggi solari. Ne migliora infatti l’umidità, evitando la secchezza.

2. Il fondente riduce la probabilità di carie

Contrariamente a quanto si possa pensare il cioccolato fondente possiede un altissima quantità di sostanze antibatteriche, che riducono l’insorgere delle carie.

3. Riduce gli attacchi di fame e l’ansia

La fame fisica è un segnale importante, ma la fame “mentale” è quella che ci porta a mangiare anche quando non ne abbiamo un reale bisogno. Generalmente è rivolta a cibo non sano né nutriente. Il cioccolato fondente, secondo gli studi fatti dal Dott. Clower, anche solo annusandone l’odore della polvere pura, riesce a calmare questa fame nervosa.

In uno studio del 2009 è stato dimostrato che il cioccolato fondente abbassa i livelli di stress e perciò di produzione di cortisolo (il che evita anche il gonfiore corporeo o l’aumento di peso senza un apparente valido motivo).

cioccolato-fondente

4. Grassi saturi ottimi

Come il famosissimo olio di cocco, il burro di cacao è ricco di grassi saturi ottimi per il nostro metabolismo. Un terzo di questi grassi è composto da acido stearico che viene convertito in acido oleico, che abbassa il colesterolo “cattivo” (LDL) e innalza il “buono” (HDL). Le sue sostanze antinfiammatorie aiutano il sistema cardio-vascolare a funzionare meglio.

5. Aiuta ad allenarsi meglio

Mangiato prima del workout, migliora le prestazioni e l’apporto energetico anche durante l’allenamento (là dove molti cercano disperatamente un pre-workout: il cioccolato fondente lo è di per sé). Con le sue sostanze antiossidanti (catechine ed epicatechine) e antinfiammatorie riduce i dolori post-workout (i cosiddetti DOMS).

In conclusione

Il Dott. Will Clower consiglia di assumere cioccolato fondente (ripeto dal 70% in su di cacao puro) in 40gr al giorno per almeno 8 settimane, suddivisi in 8 porzioni da 5gr ciascuna, durante tutto l’arco della giornata.

Io personalmente lo utilizzo come spezza-fame durante il giorno, magari con dentro delle nocciole, o alla sera prima di coricarmi. Sicuramente mi aiuta a ridurre l’esigenza di mangiare male e tanto. Provatelo e fatemi sapere.

Cosa ne pensi?

Accordo Operativo Amazon

Il Flusso Magico partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Sblocca Il Contenuto Con i Pulsanti Sotto e Aspetta Qualche Secondo




Condividi con un amico