Ispirazione

Massy Arias: dalla depressione al successo


Massy Arias
, 27 anni, personal trainer di base a Los Angeles e più di 2 milioni di followers solo su Instagram. Ha partecipato da protagonista ad un video dell’artista Trey Songz e di recente ha posato per la copertina di Latina Magazine. Infatti è nata e cresciuta nella Repubblica Dominicana, e si sente metà latina e metà nera. Il suo successo aumenta giorno per giorno insieme ai suoi progetti, arrivando a vendere prodotti da lei creati (strumenti di allenamento, libri, integratori). Ma non tutto per lei è sempre stato rose e fiori.

Massy, quando era ancora adolescente, dovette fare i conti con una fortissima depressione che la costrinse a rinchiudersi in casa per oltre sette mesi. Suo fratello affrontava un cancro, mentre lei si liberava di una relazione (e di un uomo) che la stava devastando psicologicamente e fisicamente. Le cadevano i capelli, non si faceva più nemmeno la doccia, e non aveva più alcuna speranza. Insieme alla madre provarono tante terapie rifiutando però gli psicofarmaci per non ridursi, come lei stesso dice, ad uno zombie.

Trasferitasi con la famiglia a New York intorno ai 13 anni, senza parlare o capire la lingua, dovette affrontare bullismo da tutti. Il nome che ha dato alla sua attività “MankoFit” deriva infatti dal soprannome dispregiativo che le aveva dato una sua compagna di scuola giapponese (“manko” in giapponese è un insulto per le donne). Inoltre come ragazza “latina” non poteva certo vantare chissà quali forme o bellezza: era magra, gracile e poco attraente. Doveva lavorare per mantenersi, conoscendo spesso la sensazione di non avere nemmeno un centesimo in tasca.

“…Venire negli States è stata un’assoluta sfida. Non conoscevo la lingua ed ero una bambina: era molto difficile comportarmi da adulta e dover lavorare per poter sopravvivere…”Massy “Mankofit” Arias | Emowered, The Story of Massy Arias

Ma poi scoprì il fitness, l’allenamento e il mangiare sano. La piantò con cose come il fumo, le uscite e le bevute pesanti. Si aggrappò a questa cosa per curarsi letteralmente dentro e fuori. Sperimentava tutto: ricette, movimenti, workout. E tutto questo viaggio per tornare alla vita lo volle documentare con delle foto su Instagram. Una di queste in particolare ricevette numerosi apprezzamenti positivi. Le persone iniziarono a seguirla e a farle domande su come allenarsi e cosa mangiare. Non ne sapeva assolutamente nulla né aveva soldi per un personal trainer. Pensò così di documentarsi, studiare tanto e guadagnarsi gli attestati per svolgere l’attività in maniera professionale. Non tutto il successo venne da un giorno all’altro: la stessa Massy ricorda come ai suoi allenamenti da 5 dollari l’ora a Central Park, venisse al massimo una persona e a volte nessuno. Momenti duri e di sconforto che l’hanno aiutata ad essere più forte che mai.

Perché Massy Arias è differente

“Il mio obiettivo è di cambiare il mondo. Ma non da sola. Spero di riuscire ad ispirare, aiutare e istruire più persone possibile, in modo che loro facciano lo stesso con quelli che li circondano. È così che possiamo tutti fare la differenza.”

Non ricordo come io l’abbia scoperta, su quale social io abbia notato questa ragazza dal viso pulito, gli occhi a mandorla e la pelle scura che terminava i suoi brevissimi video-workout con un singolare balletto. Il tutto fatto sempre con ironia e sorrisi.

massi-arias-gif-workout3
Massy Arias in un suo tipico workout su Instagram – @massy.arias

Negli anni l’ho vista crescere a livello professionale e non l’ho mai vista montarsi la testa. Sempre umile, sempre affettuosa coi suoi fan durante i suoi workshop in giro per l’America, i suoi live, le sue interviste. Non si è mai montata la testa e ha sempre continuato per la sua strada, diffondendo l’80% di informazioni (video, foto, ricette, consigli) e il 20% di “immagine”. Cosa che per altre atlete del fitness invece è sempre stato l’opposto.

Il suo scopo non è insegnare come avere un bel corpo, o il famoso “6-pack-abs” (la tartaruga degli addominali), ma come fare per sentirsi bene nel proprio corpo, raggiungere il massimo grado di salute fisica, mentale ed emozionale, per raggiungere un senso di “indipendenza”.

Considerazioni importanti

Quello che noto nella sua storia sono poche ma fondamentali cose.

Prima di tutto la depressione e i momenti difficili sono stati la sua scuola personale per sviluppare forza, desideri, e compiere scelte importanti (come direbbe Paxton Robey). Di fronte al periodo più buio della sua esistenza ha scelto di cambiare completamente il suo stile di vita in positivo. Ha mantenuto una grandissima umiltà e passione per quello che fa, concentrandosi più nel dare che nell’apparire. E questo dare, come lei stesso ammette, è stato il suo investire energia in un pensiero iniziale di uscire da un periodo nero, trasformato poi in un’ideale che ha dato e dà senso a tutta la sua vita. Quell’energia impiegata in maniera positiva è tornata indietro per premiarla.

Il suo non è un obiettivo puramente egoistico: è la ferma e costante voglia di aiutare gli altri nella loro difficoltà a sentirsi bene con sé stessi, e lo fa trasmettendo le sue informazioni, la sua esperienza e la sua combattività.

“In 5 o 10 anni io cambierò il mondo. Non voglio essere l’ennesima ragazza con un bel corpo. Voglio essere lo strumento con cui milioni di donne possono finalmente sentirsi bene con sé stesse. Quando morirò, voglio morire con uno scopo: voglio lasciare questo mondo dopo aver cambiato delle vite. Io non sono perfetta, nessuno lo è: dobbiamo però riuscire a sentirci a nostro agio con noi stessi.”Massy “Mankofit” Arias

Cosa ne pensi?

Accordo Operativo Amazon

Il Flusso Magico partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Sblocca Il Contenuto Con i Pulsanti Sotto e Aspetta Qualche Secondo




Condividi con un amico