superare-pigrizia-metodo
Abilità

Piccolo Metodo Efficace Per Superare La Pigrizia

“Le persone di successo sono semplicemente quelle con abitudini di successo.”─ Brian Tracy

Tutti noi ci ritroviamo a ricordare, di tanto in tanto, un qualche obiettivo che volevamo raggiungere. Una settimana fa, un mese fa, un anno fa. Magari è ancora un nostro desiderio.

Eravamo davvero convinti di voler raggiungere quel traguardo ma qualcosa è andato storto.

Probabilmente non eravamo sufficientemente convinti del processo. O magari non ci siamo sentiti a nostro agio. Ma non aver mai messo mano a quell’attività con costanza ci ha tolto la possibilità di realizzare qualcosa di importante.

Infatti come dicevo anche sull’articolo “Desidèri: cambiare approccio per realizzarli”, è importantissimo sapere cosa vogliamo veramente. È la prima cosa in assoluto (e non bisogna mai darla mai per scontata), ma non per questo saperlo ci assicura il successo. Esprimere un desiderio o prefissarsi un obiettivo consiste semplicemente nel “cosa vogliamo”.

Subito dopo questo, in ordine di importanza, c’è il “perché vogliamo qualcosa”. Il perché ci motiva molto di più della cosa in sé. Infatti se il motivo per cui vogliamo realizzare qualcosa non è in armonia con alcuni princìpi, sarà più facile fallire.


Ne ho parlato nell’articolo “Gli 8 ostacoli più ignorati alla realizzazione dei nostri desideri” e ne parla anche Andrea Panatta nella serie “Desideri – Intenzioni – Ideali”


E poi c’è il “come raggiungere qualcosa”. Per me è la parte più importante, la parte cruciale che tutti quelli che falliscono dimenticano più spesso, quello su cui dovremmo soffermarci di più.

Sarà infatti quello che ci impegnerà davvero e per più tempo. E sarà l’unica cosa reale che ci porterà davvero attraverso il viaggio della realizzazione di un desiderio o di un obiettivo.

Bene, se mettiamo insieme tutti gli “avrei dovuto fare”, i “dovrei fare” e i “vorrei realizzare”, ci accorgiamo che la cosa più difficile è proprio il “fare” e soprattutto farlo con costanza. Ovvero trasformare un’attività in un’abitudine.

C’è una lotta dentro di noi, continua, fra ciò che vorremmo in futuro e ciò che vogliamo fare sul momento. Quasi mai le due cose coincidono.

Lottiamo con le distrazioni, le paure di fallire o anche solo di provare, i tentativi andati a vuoto che ci deludono. Ma spesso combattiamo anche con la pigrizia. C’è un modo per superarla e diventare persone più attive? Certamente. Te ne presento uno.

Come superare la pigrizia

La tecnica è molto semplice. L’ho ricavata da differenti contesti e risorse. È come il Kaizen giapponese, o ciò che ha spiegato BJ Fogg – uno scienziato statunitense – ad una conferenza di Ted.

Consiste innanzitutto nell’aver chiaro cosa devi fare praticamente per raggiungere un risultato (il processo). Se voglio dimagrire, pensarci tutto il giorno non mi aiuterà a realizzarlo.

Se voglio un’auto nuova, guardare il dépliant e desiderarla ardentemente non mi muoverà di un centimetro verso di essa. Aspettare che qualcosa si realizzi è ciò che ha deluso molti fan della Legge dell’Attrazione: chissà perché?

Ti faccio un esempio più specifico di cosa vuol dire “sapere cosa bisogna fare”. Se voglio dimagrire (bruciare grasso e sviluppare una corporatura migliore) so che dovrò non solo curare di più la mia alimentazione, ma anche allenarmi costantemente.

Quindi l’obiettivo o desiderio principale è dimagrire, mentre mangiare bene e allenarmi sono le attività che mi aiuteranno a raggiungere quel risultato giorno per giorno.

Farlo per un minuto, ogni giorno, alla stessa ora

Se sai cosa vuoi e sai perché e sai cosa fare, allora devi farlo per un minuto tutti i giorni. Farlo e basta, senza pensarci su. Metti un timer e fallo.

Un solo minuto può cambiare molto il tuo approccio a qualunque tipo di attività: quelle che rimandi continuamente, quelle che non ti piacciono, quelle che ritieni difficilissime.

Un minuto è una frazione infinitesima della tua giornata e bypassa completamente paura, pigrizia e senso di inadeguatezza. È letteralmente uno schiocco di dita. Fai prima a fare qualcosa per un minuto che a pensarci su.

E ripetere quell’attività ogni giorno lo farà diventare parte delle tue abitudini, che sono la vera forza che ci aiuta a raggiungere qualunque risultato. Sai perché? Perché sono la garanzia del nostro essere costanti.

Esegui la stessa attività per un minuto sempre alla stessa ora, senza sgarrare, per un mese intero. Come? Crea, su un foglio A4 (o sul supporto che preferisci, anche un calendario) 30 caselle vuote.

Metti un bel titolo colorato con scritto quale sarà l’attività, il motivo per cui vuoi farla, e a cosa ti porterà nel lungo periodo (il tuo obiettivo o desiderio finale).

Appendi questo foglio dove puoi vederlo meglio e dove non ti è possibile ignorarlo e imposta anche la sveglia giornaliera con un preavviso di 30 minuti. Così hai tutto il tempo di prepararti a farlo.

Nell’esempio che ti ho riportato prima, perciò, nel foglio con le caselle, scriverò (e mi concentrerò solo sul…):

“FARE BURPEES PER UN MINUTO ALL’ORA X”


Se vuoi sapere perché proprio i burpess, leggi questo articolo >


E lo farò tutti i giorni per 30 giorni. Non importa quanti ne farò e non mi deve interessare. Se ne farò più che posso, ogni giorno, supererò ogni tipo di pigrizia ed otterrò sicuramente un incremento.

Già dopo un paio di settimane, sentirai l’abitudine diventare parte di te e della tua giornata. E sentirai il piacere di farla. Senza strappi o drammi o richieste eccessive di forza di volontà.

Dopo i 30 giorni

Dopo 30 giorni aumenterai a 2-3-4-5 minuti l’attività svolta nel mese precedente e proseguirai così, per piccolissimi incrementi. Decidi tu qual è il tempo minimo per cui fare quell’attività non ti pesi più di tanto. Devi fare in modo che nulla ti ostacoli ad agire.

Lo scopo vero e proprio è far diventare un’attività un’abitudine. Cioè avere la certezza matematica che riusciremo a creare un incremento costante nei nostri risultati.

Ogni mese dovrai celebrare il tuo traguardo premiandoti adeguatamente. Soprattutto rivedendo tutti i progressi che hai ottenuto (rappresentati dai fogli A4 collezionati) e tenendoli a mente per i momenti di stanchezza e mancanza di motivazione.

Ah, se stai pensando che è troppo semplice come metodo e che un minuto non è un granché ti svelo un segreto: è il tuo ego che fa già i capricci per non lasciarti provare.

Il tuo ego vuole che tu rimanga esattamente nella stessa condizione per sempre ed è quello che riesce a fare meglio per ora. Ma tu puoi utilizzare questo metodo. Chi l’avrà vinta?

Se l’articolo ti è piaciuto perché non condividerlo coi tuoi contatti? Potrebbe essere utile anche a loro.


Ti lascio allo speech di BJ Fogg a Ted e ti consiglio di guardarlo tutto. C’è dentro un ottimo contenuto ed è discretamente divertente!

Cosa ne pensi?

Accordo Operativo Amazon

Il Flusso Magico partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Sblocca Il Contenuto Con i Pulsanti Sotto e Aspetta Qualche Secondo




Condividi con un amico