7-PIANTE-PER-PURIFICARE-ARIA-RID
Salute ed Energia

7 Piante Meravigliose Per Purificare Efficacemente L’Aria

Facciamo un gioco? Ti dirò alcune parole e tu dovrai indovinare dove ci troviamo. Ci stai? Dunque: acetone, benzene, formaldeide, ammoniaca. Dove siamo quindi? Una fabbrica chimica? Una discarica di liquami? Forse su Marte?

Niente di tutto questo: ci troviamo in una comunissima casa.

Vengono chiamati COV (o VOC secondo l’accezione inglese) e sono i composti organici volatili. Anche se la definizione non sembra poi così nociva, ci troviamo di fronte a sostanze presenti in tutte le case e nei luoghi di lavoro, che possono aggravare le condizioni di salute di chi le abita.

Possiamo infatti respirarle di continuo perché vengono emesse sia da oggetti che abbiamo in casa, come tappeti e vernici, sia perché sono contenuti nei prodotti che utilizziamo per pulire la casa. Questo è quanto emerge da un noto studio della NASA (che potete consultare su Wikipedia o scaricare qui) sugli agenti inquinanti presenti nelle nostre case.

Se ignoriamo la presenza di queste sostanze possiamo andare in contro a determinati problemi di salute. Si va dai più blandi mal di testa, alle nausee, alle irritazioni gravi delle vie respiratorie.

Senza allarmarci ulteriormente però, possiamo risolvere questo tipo di problematiche in maniera semplice con l’aiuto naturale di alcune piante d’appartamento.

Queste purificano l’aria e immettono prezioso ossigeno migliorando di molto la qualità degli ambienti in cui viviamo. Vediamo insieme quali sono le migliori pianti d’appartamento per purificare l’aria.


1. Falangio (Chlorophytum Comosum)

falangio

Pianta erbacea originaria dell’Africa meridionale, conosciuta anche con il nome di nastrino, perenne e sempreverde, è facile da coltivare perché non necessita di grande dedizione. Non ama il sole diretto in primavera né le temperature sotto i 14° in inverno. Non richiede molta acqua (un paio di volte a settimana nei periodi caldi). È in grado di ripulire l’aria da: formaldeide, ammoniaca, xilene. Si presta bene ad essere coltivata in vasi pendenti.


2. Albero di Giada (Crassula Ovata)

crassula-oavata

Molto comune nelle case degli italiani, è anche detta albero dei soldi. Particolarmente adatta nell’assorbire toluene (sostituto solvente simile al benzene ma leggermente meno tossico) presente nelle vernici, nelle lacche, nel gasolio e nel kerosene. Questa pianta è nota anche in ambiente feng-shui perché, come pianta sempreverde, viene considerata portatrice di positività. C’è chi la ritiene in grado di regalare ricchezza, amicizia e fortuna.


3. Fico d’India falcato (Consolea/Opuntia Falcata)

consolea-falcata

Questa pianta può essere facilmente trovata senza spine. È tipica delle zone caraibiche (Antille e in particolar modo Haiti), ma può essere facilmente trovata anche in Florida (U.S.A.) e richiede pochissima manutenzione, sia in termini di acqua che di luce. Può eliminare fino all’80% di etilbenzene (diluente vernici, etc.) presente nell’aria. Quando fiorisce genera dei fiori gialli tipici dei cactus.


4. Dracena Marginata (Dracaena Marginata)

dracaena

Appartenente alla famiglia delle Asparagaceae (secondo la classificazione più recente), originaria delle zone caldo-umide dell’Africa (Madagascar) possiede un fogliame molto suggestivo e decorativo per tutto l’arco dell’anno. Ottima per rimuovere in particolar modo l’acetone fino al 95% presente nell’ambiente circostante. Richiede acqua quando il suolo è secco (va lasciato umido). Pur amando i climi caldi, non va mai posizionata a ridosso dei caloriferi in inverno poiché emettono calore eccessivo e privano di umidità.


5. Bromelia

bromelia

Nome che racchiude piante della stessa famiglia (Bromeliaceae), caratterizzate tutte da un fiore “a spiga” o a “imbuto” che fuoriesce da un cespuglio di foglie lucide di colore verde intenso. Il fiore generalmente è di colore rosso o giallo intenso. Sono originarie dell’America centrale e delle isole indiane, e vivono nelle tipiche foreste pluviali tropicali. Hanno bisogno di una buona luminosità ma non del sole diretto. Richiedono una certa accortezza nel trattamento e la temperatura ambientale non dovrebbe mai scendere al di sotto dei 15°c anche in inverno. Rimuove quasi tutti i principali COV dannosi per la nostra salute.


6. Sansevieria

sanseveria

È un gruppo di piante grasse appartenenti alla famiglia delle Liliacee, molto diffuse nel nostro territorio perché considerata resistente e facile da mantenere. Le possiamo trovare con foglie dritte e lanceolate e con foglie che a rosetta. Le sansevierie, oltre al loro potere assorbente e purificante dell’aria, producono ossigeno nelle ore notturne. Per questo sono piante che è possibile tenere in camera da letto. Gradiscono la luce solare ma non troppo il sole diretto. Non sopportano temperature al di sotto dei 3° in inverno. Possono facilmente marcire se viene data loro troppa acqua. Meglio che il suolo sia umido ma  non bagnato.


7. Aloe vera (Aloe Barbadensis Miller)

aloe vera

Pianta succulenta, di origine arabo-africana, che predilige i climi caldi e secchi. Può raccogliere al suo interno moltissima acqua, oltre che sostanze dai numerosissimi utilizzi. Non tutti sanno che l’àloe vera può depurare anche l’aria, e come la sansevieria, produce ossigeno durante la notte. Sostanze che riesce meglio ad assorbire sono la formaldeide e il benzene.


Le piante in grado di catturare i COV sono molto numerose e varie e con questo piccolo gruppo ho voluto proporti la mia personalissima selezione, frutto di un’attenta ricerca online. Spero che ti possa essere utile per purificare l’aria di casa o di lavoro in maniera efficace.

Detto questo, se vuoi saperne di più sulle proprietà delle piante e come coltivarle al meglio, posso consigliarti tre testi molto interessanti.

1. Piante d’appartamento. I consigli dell’esperto per una casa verde (di Elena Tibiletti, 2014)

Piante d'appartamento. I consigli dell'esperto per una casa verde

“Che le si ami o meno, non si può negare che le piante in casa siano un elemento prezioso nel rendere gli ambienti più belli e anche più sani. Però se non si ha un innato pollice verde e non si sa per istinto se vogliono molta o poca acqua, se vanno rinvasate, con quale terriccio, se vanno concimate o meno e quando, la sopravvivenza dei nostri vasi può diventare una sfida. L’autrice, grande esperta di piante, ha voluto andare al di là dei soliti consigli e pur partendo da una base scientifica, adatta di volta in volta le nozioni teoriche a quella che è la realtà di ciascuna pianta nelle condizioni casalinghe in cui tutti noi abitualmente la coltiviamo, suggerendo anche le eventuali contromisure quando l’ambiente non è proprio quello ideale. E siccome non sempre bastano gli aridi consigli tecnici, sebbene riadattati alla pratica, qualche piccola considerazione personale vi aiuterà a capire meglio le esigenze di ogni singola specie per mantenere le vostre piante belle e sane il più a lungo possibile.”

2. Atlante illustrato delle piante medicinali e curative (2013)

Atlante illustrato delle piante medicinali e curative

“Un’opera che descrive in modo dettagliato una grande varietà di piante medicinali, molte delle quali rappresentano una preziosa fonte di principi attivi per l’industria farmaceutica. Il volume, con numerose e dettagliate illustrazioni, mette a disposizione di medici, farmacisti e, in generale, di tutti gli appassionati una serie di informazioni sulle specie descritte e sulle loro applicazioni.”

3. La terapia segreta degli alberi. L’energia nascosta delle piante e dei boschi per il nostro benessere (di Mencagli e Nieri, 2017)

la terapia segreta degli alberi

“Una fase di stress o malumore, e subito viene voglia di rifugiarsi nel verde per ritrovare l’equilibrio e sentirci meglio. Pura suggestione? No, il beneficio è concreto e ha radici profonde nella storia dell’evoluzione. All’estero da anni si conducono ricerche scientifiche sull’impatto che il contatto con la natura ha sulla nostra salute: induce calma e serenità, regolarizza il battito cardiaco, modula la pressione arteriosa, diminuisce l’aggressività, aumenta l’energia, stimola la memoria e le capacità cognitive, alza le difese immunitarie e la nostra capacità di contrastare tumori e malattie. Molti studi sono ancora sconosciuti in Italia, dove invece potremmo fruire facilmente della forest therapy, grazie al variegato patrimonio di parchi, boschi e giardini. Ma dove andare, quando e in che modo?…”

Cosa ne pensi?

Accordo Operativo Amazon

Il Flusso Magico partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Sblocca Il Contenuto Con i Pulsanti Sotto e Aspetta Qualche Secondo




Condividi con un amico