quando-sei-a-terra-torna-ai-fondamentali
Ispirazione Sviluppo Interiore

Quando sei a terra torna ai fondamentali

Mi è capitato di tanto in tanto di sentirmi terribilmente giù, in crisi. Mi sentivo stanco, demotivato, affranto. Altre volte mi è successo  di non riuscire a proseguire: ero bloccato. Non trovavo soluzioni, spunti interessanti per continuare, o non capivo esattamente come uscire da certe situazioni. Mi sembrava di non avere più energia, di non avere slancio, di non sentire più ardere in me la scintilla.

La società possiede innumerevoli sistemi per toglierci energia, potere, fiducia, speranza, gioia. Attraverso i suoi innumerevoli stimoli ci sovraccarica di cose inutili (pensieri di scoraggiamento, falsi bisogni, emergenze altrui), aumentando il senso di confusione e zittendo la nostra vera voce. La vita nelle società di massa tende a spegnere il nostro fuoco interiore.

In moltissimi casi ho notato che mi ha risollevato e ricaricato “tornare ai fondamentali“. Vorrei proporti perciò qualche spunto da utilizzare, o cose che si possono fare, per poter ripartire. Mi raccomando: sperimentali e mettiti subito in azione. Vedrai che andrà meglio.

Cosa sono i fondamentali?

mattoni-fondamentali

Per “fondamentali” intendo tutto ciò che è o è stato alla base, che crea o ha creato le fondamenta della nostra energia: di noi stessi, del nostro lavoro, di un amore o di un hobby. Ricordi, passioni, sapori, profumi, attività, giochi, musica.

Quello che ci ha ispirato, quello che ci ha fatto ardere di passione e gioia, che ci ha fatto ridere e ci ha commossi, quello che ci ha fatto sentire che eravamo più grandi e più in gamba di quello che pensavamo. I fondamentali sono tutte quelle cose che ci hanno fatto sentire vivi e felici.

Ricordare cosa ci ha spinto a iniziare e provare a riassaporarlo, tornare al core (fulcro, motore) delle nostre passioni, dei nostri obiettivi, dei nostri desideri.

Per cominciare: una strategia per migliorare molte situazioni

Vi aiuta in ogni aspetto della vita tenere a mente che non siamo fatti per vivere in ambienti caotici, disordinati o addirittura sporchi.

Sembra un’ovvietà ma pensateci un attimo. Viviamo convinti di “dover spingere” sempre di più, fare di più, aggiungere attività, avere più cose. In realtà, ciò che ci riempie e ci dà soddisfazione sono poche cose, genuine e piene di energia. Ne parlai a proposito del Tempo di Qualità: quando cerchiamo di rincorrere il tempo, tendiamo inevitabilmente a perderlo e a sentirci terribilmente frustrati.

Non è utile avere mille amici qualunque, ma pochi speciali. Mangiare cose semplici e nutrienti. Avere l’essenziale in quanto a utilità e non per aumentare i nostri possessi.

Quindi sicuramente consiglierei, in periodi di bassa energia, motivazione e volontà, fare qualcosa di estremamente semplice e basilare: mettere ordine, liberarsi del superfluo, smaltire, ripulire, rinfrescare. Qualsiasi cosa, situazione, area della propria vita.

Questo ci toglie il peso mentale delle troppe scelte, troppe attività e troppe informazioni da gestire. Provate e otterrete subito un incremento nella sensazione di benessere. Ma vediamo anche gli altri ambiti nello specifico.

Nel lavoro dove sono i fondamentali?

Nel lavoro, i fondamentali, possono essere le nozioni di base, rileggere i primi libri che abbiamo letto, ma anche fare le cose in maniera semplice, meno complicata. Fare le cose come le facevamo all’inizio. Diradare la complessità delle informazioni o delle incognite, infatti, aiuta a recuperare chiarezza e successivamente a richiamare nuove energie.

Ricordare qualche nostro insegnante, tutor o collega particolarmente brillante, qualcuno a cui volevamo tendere, che ci ha sostenuto, incoraggiato e aiutato nei momenti più difficili. Ricordare i suoi insegnamenti e i nostri successi. Tornare con la mente a quante difficoltà siamo riusciti a superare.

In amore?

Nella sfera affettiva ci può aiutare tornare alle cose che abbiamo tralasciato e dato per scontato. Nel caso di una relazione amorosa, si può ricominciare a corteggiare il tuo (o la tua) partner e restituirgli valore. Come organizzare qualcosa di romantico e speciale, o qualcosa che amavate fare all’inizio del vostro rapporto e che in parte ha contribuito a costruire il vostro legame. Portare più amore nel rapporto (comprensione, supporto, fiducia, stima) anche se pensiamo di non riuscire a provarlo e stiamo aspettando di riceverlo.

Nella sfera personale come posso ritrovare energia ed entusiasmo?

Nella sfera personale è utile tornare a ciò che ci ha sempre fatto sentire bene. La musica che ascoltavamo dieci o venti anni fa e che ci ha sempre restituito energia, guardare i nostri film preferiti, mangiare i cibi che ci riempiono di piacevoli ricordi. Farsi un regalo che desideravamo da anni. Giocare a qualcosa di buffo, ballare, buttar via il prendersi troppo sul serio e la paura di sembrare sciocchi.

L’autoironia! Imparare a prendersi in giro (senza eccedere nel cinismo ovviamente). Tornare a ridere, con una commedia o qualche amico particolarmente simpatico. Sentire dove è l’energia e cercare di trovarne il filone d’oro (Il Flusso Magico).

amici-al-bar

Ci servirà anche scaricarci usando la forza esplosiva in qualche attività, come lo sport ad esempio. Potrebbe bastare una corsa a tutta velocità o una lunga camminata, prendere a pugni un sacco da boxe, organizzare una gita avventurosa o una partita a basket. Alexander Lowen per la sua “Bioenergetica” consigliava un semplice esercizio: colpire con un battipanni (ma penso funzioni con qualsiasi cosa, anche a mani nude) il materasso del nostro letto per alcuni minuti.

O cambiare un po’ le proprie abitudini. Assaggiare qualche piatto nuovo, ascoltare nuove storie, ma anche prendersi una giornata tutta per noi (Tempo di Qualità, ricordate l’articolo che ho scritto?). Giocare coi nostri figli o prenderci cura del nostri giardino o del nostro cane (insomma, se ci fermiamo a gustare la vita per un giorno non arriverà l’apocalisse).

Anche il prenderci cura di noi ci aiuterà in qualche modo a superare certi momenti. Il farci belli/e, comprarci un maglietta o un paio di occhiali da sole. Un deodorante per ambienti, farci un bagno caldo, rimetterci in forma, riscoprire la nostra bellezza.

E se non va comunque?

E se tutto questo non è servito forse non ci serve energia, forse abbiamo solo bisogno di un bel pianto liberatorio (per noi maschietti non abituati a farlo è come togliere un tappo). Perciò mettiamo su una bella musica strappalacrime e teniamoci stretto il rotolo di carta assorbente o la scatola dei fazzoletti.

Se hai altri modi di ricaricarti e rimetterti in piedi, scrivilo nei commenti, potrei inserirlo nell’articolo!

Cosa ne pensi?

Accordo Operativo Amazon

Il Flusso Magico partecipa al Programma Affiliazione Amazon EU, un programma di affiliazione che consente ai siti di percepire una commissione pubblicitaria pubblicizzando e fornendo link al sito Amazon.it

Sblocca Il Contenuto Con i Pulsanti Sotto e Aspetta Qualche Secondo




Condividi con un amico